Le competenze più richieste

I 7 tratti del vero leader

Scritto da InfoJobs

Durante la mia esperienza lavorativa ho avuto modo di incontrare responsabili veramente in gamba, capi che possiamo definire appunto veri e propri leader. Ognuno di loro possedeva delle caratteristiche particolari che hanno influenzato il mio percorso professionale: ne ho scelte 7 che a mio parere identificano i veri leader.

Pensiero lucido e chiaro

Fondamentale per un leader è la capacità di ragionare lucidamente, una caratteristica che a differenza dell’intelligenza può essere acquisita nel tempo.
Il pensiero trasparente spesso è associato al senso della direzione che nelle organizzazioni è indispensabile.
Il leader deve essere bravo a condividere il processo di pensiero con i propri collaboratori e non pretendere di essere seguito in base a una fede cieca.
Come misurare questa capacità? Un indicatore chiaro è il  grado di coinvolgimento degli ascoltatori, anche se il carisma e la capacità di esposizione possono essere in alcuni casi fuorvianti.

Intuito

Parliamo della capacità di riuscire a vedere la soluzione di problemi molto in anticipo rispetto alle altre persone e senza che tutti i fatti abbiano un ordine ovvio.
La persona intuitiva è in grado di vedere la configurazione degli eventi prima ancora che accadano effettivamente e sa prendere conseguenti decisioni appropriate.
L’intuito è una risorsa innata che riflette uno stile “proattivo” del manager piuttosto che uno “reattivo”.

Iniziativa

Chi è colui che prende l’iniziativa e fa accadere qualcosa?
Il leader ovviamente, ovvero colui che
è preparato per orientare il proprio gruppo, dare suggerimenti e trascinare le persone a seguirlo.
Un leader ha una grossa capacità di guidare il proprio team ed è in grado di svilupparne il lavoro per un obiettivo comune.

Coraggio

Il leader è colui che nonostante la probabilità di fallire prende decisioni di cui è il principale responsabile. Si espone, rischia, testa e guida i collaboratori verso nuove sfide.
Un leader coraggioso tiene per sé la colpa e passa i successi ai suoi collaboratori.

Forza

Un leader prende delle decisioni chiare e le mette in opera, lavorando in modo positivo su qualsiasi dubbio venga sollevato.
Un leader che alza la voce con i propri collaboratori non esprime forza: la vera forza sta nel trasmetterela propria convinzione e portare a bordo tutto il team. 

Entusiasmo

Il compito di un leader è di  accrescere lunità del gruppo, coinvolgendo tutti.
Il leader non si  aspetta che il suo team sviluppi autonomamente energia  per un progetto ma sarà lui stesso a dimostrare entusiasmo e a distribuirlo ai propri collaboratori.

Se il suo entusiasmo risulterà contagioso otterrà subito lo stesso atteggiamento nel gruppo.

Integrità

Un leader deve essere percepito dai propri collaboratori come una persona affidabile: deve quindi essere in grado di guadagnarsi il rispetto altrui non solo con le parole ma principalmente con il proprio comportamento.
Quello che il leader propone deve essere quindi percepito come vero, integro, reale e deve essere condiviso in trasparenza, rendendo evidente cosa funziona e cosa non va in tutti i momento del processo.
Solo in questo modo è possibile condividere successi e anche serene sconfitte.

Questa è la mie esperienza, acquisita negli anni, ma strettamente legata al mio vissuto.
Ci possono essere altre interpretazioni, nate dal contesto lavorativo o semplicemente dal nostro personale point of view.

 A cura di Floriana Marini, HR Recruiting Solutions Specialist presso InfoJobs.

 Secondo te quali sono le 3 qualità imprescindibili per un leader?

Photo by Brooke Lark on Unsplash

20 Commenti

Lascia un commento