L'osservatorio di InfoJobs

Emergenza smart working, a voi la parola

A circa un mese dall’inizio del lockdown del Paese che ha impattato sulle modalità di lavoro della maggior parte degli italiani, abbiamo pensato di chiedere direttamente a voi un’opinione sul tema dello smart working.
Ecco cosa ci avete risposto.

La fotografia del Paese
Il quadro che emerge è di un Paese che ha risposto all’emergenza utilizzando in maniera massiccia lo smart working:  il 72% delle aziende ha messo a disposizione in tempi brevi mezzi e strumenti per poter lavorare da casa.
Ma, d’altro canto, non tutti ruoli possono essere svolti da remoto e quindi solo il 15% dei lavoratori sono in smart working.
E gli altri? Attualmente il 45% è senza reddito (percentuale che sale al 50% per le donne), in ferie o in congedo (25%) mentre il 13% si reca ancora sul luogo di lavoro.
Il 79% di chi fa smart working, è alla prima esperienza, mentre per il 14,5% sono cambiate le modalità di fruizione. Solo per il 6,5% non c’è stato alcun cambiamento rispetto a prima.

Quali difficoltà hanno riscontrato le aziende?
Principalmente problemi di tipo organizzativo (44%) per mancanza di supervisione e controllo sul lavoro del personale e relazionale (42%) perché manca il confronto quotidiano e il lavorare fianco a fianco. Solo il 14% delle aziende dichiara problemi legati alla tecnologia.

E voi come vivete questa situazione?
Il 38% del campione intervistato si dichiara fortunato di poter rimanere a casa e il 27% apprezza le possibilità date dalla tecnologia.
Solo il 7% dice di essere meno produttivo soprattutto a causa degli impegni familiari da gestire in contemporanea, percentuale che sale al 33% per le donne con figli conviventi.

Cosa apprezzate di più dello smart working e cosa vi manca?
Sicuramente si apprezza il tempo risparmiato per gli spostamenti da casa all’ufficio (49%) e gli orari flessibili (19,5%)
Tra le mancanze, spiccano la socialità del luogo di lavoro e il confronto coi colleghi (a pari merito al 27%) e la comodità della propria postazione (11%) o il piacere di prepararsi alla giornata con outfit e make-up (10%).  

E domani come sarà?
Per il 30% delle aziende non ci saranno cambiamenti mentre per  il 28% dipenderà dagli sviluppi legislativi.
Ma anche voi siete stati molto cauti: il 71% vorrebbe il lavoro agile 1 o 2 giorni a settimana (89% per le donne con figli) mentre solo il 16% sogna un futuro tutto smart.

Ma ci sono anche i contrari: per il 13%: meglio l’ufficio!

Info Smart Working

Indagine realizzata da InfoJobs a marzo 2020 su un campione di 189 aziende e 1149 candidati 

Ora è il momento di vedere le offerte del giorno. Sei pronto?

  • Penso che lavorare a casa, sia un vantaggio per le mamme che hanno figli.
    Io ho lavorato per sei anni in casa il lavoro te lo gestisce nella giornata.a

  • Lo trovo poco fruttuoso per le aziende perché i dipendenti non ci si dedicano come dovrebbero approfittando del fatto che si trovano a casa. Serve il confronto con i colleghi e superiori, gestione della documentazione, ecc ecc. Il lavoro si deve svolgere presso il posto di lavoro!

  • A me piacerebbe molto lo smart working avrei la possibilità di lavorare e seguire i figli senza lo stress di uscire e rimanere incanalati nel traffico

Lascia un commento

Errore durante l'invio del commento.

Articoli Correlati