Al top sul lavoro Norme e contratti

Come cambia il congedo di paternità

Congedo papà 2019
Scritto da InfoJobs

Negli ultimi anni, la legge ha progressivamente esteso ai lavoratori padri parte delle tutele previste per le lavoratrici madri, nell’ottica di una sempre maggiore condivisione della cura dei figli tra i due genitori.
Con le modifiche legislative degli ultimi mesi, ai papà è innanzitutto garantita la facoltà  di richiedere 5 giorni di assenza retribuita dal lavoro, entro i primi 5 mesi di vita del bimbo, il cosiddetto congedo obbligatorio.
Si tratta di un diritto che spetta indipendentemente dal diritto della madre al proprio congedo di maternità. Per il papà è inoltre possibile fruire di un sesto giorno di congedo facoltativo in alternativa alla madre.

Il papà può anche assentarsi dal lavoro per determinati periodi di tempo nel corso dei primi anni di vita del figlio, con mantenimento del rapporto di lavoro e diritto a un particolare trattamento economico durante i periodi di assenza.
Nello specifico, il lavoratore padre ha diritto al cosiddetto congedo di paternità, con facoltà di astenersi dal lavoro per tutta la durata del congedo di maternità o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice, in ipotesi determinate in cui il congedo non sia stato fruito dalla madre.
In tal caso, il papà avrà diritto a percepire un’indennità giornaliera pari all’80% della retribuzione. Questo trattamento è previsto anche in caso di adozione o affidamento di minore.
Il papà potrà anche assentarsi dal lavoro, nei primi 12 anni di vita del figlio, anche per un ulteriore periodo, di norma non superiore a 6 mesi (astensione facoltativa). Anche al lavoratore sono poi riconosciuti riposi retribuiti in alternativa alla madre e congedi in caso di grave malattia del figlio.
Per il lavoratore che fruisca del congedo di paternità, la legge prevede anche il divieto di licenziamento fino al compimento di un anno di età del bambino, nonché una particolare procedura di convalida delle dimissioni, volta ad accertare la genuinità della scelta.

A cura dell’Avvocato Gianluca Crespi | Elexia

Lascia un commento