Il colloquio

3 pregi e 3 difetti

Conoscere pregi e difetti di se stessi è un lungo processo che ci accompagna per tutta la vita.
Non è facile per noi sapere come siamo fatti, figurarsi raccontarlo a un estraneo che ci pone la domanda esclusivamente per valutarci ai fini di un impiego. Come uscire allora da questa situazione nel migliore dei modi?

Chi si loda si imbroda

Per quanto riguarda i pregi, la risposta non è ovvia come si penserebbe. E’ sempre necessario contestualizzare gli aspetti positivi del proprio carattere, sia in rapporto al tipo d’impiego cui si aspira, sia in base alla persona che ci si trova di fronte.
Il pericolo principale è la banalità: elencare una serie di aggettivi non è utile e rischia di farti apparire superficiale.
C’è poi il concreto rischio di sembrare egocentrico: anche se ti ritieni estremamente competente, è importante che questa sicurezza non venga interpretata dagli altri come megalomania.

Descrivere i propri pregi è una chance in più per sottolineare le competenze personali all’interno del colloquio.

Alcune ricerche mostrano che una delle caratteristiche più gradite è la capacità di apprendere velocemente e di adattarsi alle situazioni in evoluzione. Qualunque sia il tuo passato professionale, il fatto che tu sia in grado di assimilare facilmente nuovi compiti, se non addirittura di cambiare agevolmente tipo di mansione, è molto apprezzato dai responsabili HR.

Vi sono poi una serie di pregi che possono fungere da jolly a seconda dei diversi profili: empatia, puntualità, determinazione, capacità di sintesi, curiosità per le cose nuove, ordine, organizzazione.
L’importante è utilizzare queste definizioni in modo proprio a seconda dell’obiettivo che si vuole raggiungere.

Nessuno è perfetto

E per quanto riguarda i difetti? Anche se “confessare” le proprie debolezze non è piacevole, è importante non tergiversare e rispondere puntualmente alla domanda, cercando di volgere a proprio favore quello che a prima vista può apparire un’imboscata del selezionatore.

Una tattica da adottare è ad esempio esagerare un pregio per farlo apparire un difetto. Dire che si è puntigliosi, presume un’estrema precisione; ammettere che si è competitivi, sottintende che si è focalizzati all’obiettivo.

Ricordiamoci però che stiamo parlando con  persone competenti e preparate e non possiamo far passare un cliché come una risposta sincera.
È meglio ammettere di avere dei difetti, di esserne consapevoli e di aver messo a punto una strategia efficace per superarli.

  • Salve. Sono arrivato praticamente alla fine del mio percorso lavorativo, prossimo alla pensione. Con alti e bassi, ma sono sempe rimasto fedele ai miei ideali. I falsi prima o poi la pagano(o bisogna fargliela pagare…), sempre. Elencare tre pregi e tre difetti? Pregi: ottimo lavoratore, individuo i problemi e le soluzioni, spirito da leader. Difetti: non lascio perdere se ho ragione, me ne vado anche se mi pregano di restare, non gliele mando a dire e possibilmente gliela faccio pagare. Consigli? Difficilmente li ascolto, seguo “La Forza…”

  • In un colloquio bisogna essere sempre cordiali.
    Bisogna dire sempre la verità sulle proprie capacità , pensieri su come affrontare possibili problematiche lavorative esposte dalla controparte, dire anche i vostri punti deboli ( esperienze carenti nella formazione lavorativa).

    Cose deludenti
    Molto spesso mi sono scontrato con responsabili non idonei al ruolo che ricoprivano in azienda.
    (Ruolo preso per paraculaggine oppure per anzianità ).
    Essere giudicato non idoneo da una persona che non sa neanche leggere un CV.

    Consiglio per infojobs di velocizzare la candidatura senza dover essere indirizzato in altri siti logorroici.( Ovvero mi candido punto e basta ).
    Si richiede di eliminare dalla lista quelle offerte di lavoro che prendono in giro i lavoratori ( credo sia necessario la segnalazione degli stessi lavoratori ).

Lascia un commento

Errore durante l'invio del commento.

Articoli Correlati