Il colloquio

3 pregi e 3 difetti

Scritto da InfoJobs

Conoscere pregi e difetti di se stessi è un lungo processo che ci accompagna per tutta la vita.
Non è facile per noi sapere come siamo fatti, figurarsi raccontarlo a un estraneo che ci pone la domanda esclusivamente per valutarci ai fini di un impiego. Come uscire allora da questa situazione nel migliore dei modi?

Chi si loda si imbroda

Per quanto riguarda i pregi, la risposta non è ovvia come si penserebbe. E’ sempre necessario contestualizzare gli aspetti positivi del proprio carattere, sia in rapporto al tipo d’impiego cui si aspira, sia in base alla persona che ci si trova di fronte.
Il pericolo principale è la banalità: elencare una serie di aggettivi non è utile e rischia di farti apparire superficiale.
C’è poi il concreto rischio di sembrare egocentrico: anche se ti ritieni estremamente competente, è importante che questa sicurezza non venga interpretata dagli altri come megalomania.

Descrivere i propri pregi è una chance in più per sottolineare le competenze personali all’interno del colloquio.

Alcune ricerche mostrano che una delle caratteristiche più gradite è la capacità di apprendere velocemente e di adattarsi alle situazioni in evoluzione. Qualunque sia il tuo passato professionale, il fatto che tu sia in grado di assimilare facilmente nuovi compiti, se non addirittura di cambiare agevolmente tipo di mansione, è molto apprezzato dai responsabili HR.

Vi sono poi una serie di pregi che possono fungere da jolly a seconda dei diversi profili: empatia, puntualità, determinazione, capacità di sintesi, curiosità per le cose nuove, ordine, organizzazione.
L’importante è utilizzare queste definizioni in modo proprio a seconda dell’obiettivo che si vuole raggiungere.

Nessuno è perfetto

E per quanto riguarda i difetti? Anche se “confessare” le proprie debolezze non è piacevole, è importante non tergiversare e rispondere puntualmente alla domanda, cercando di volgere a proprio favore quello che a prima vista può apparire un’imboscata del selezionatore.

Una tattica da adottare è ad esempio esagerare un pregio per farlo apparire un difetto. Dire che si è puntigliosi, presume un’estrema precisione; ammettere che si è competitivi, sottintende che si è focalizzati all’obiettivo.

Ricordiamoci però che stiamo parlando con  persone competenti e preparate e non possiamo far passare un cliché come una risposta sincera.
È meglio ammettere di avere dei difetti, di esserne consapevoli e di aver messo a punto una strategia efficace per superarli.

57 Commenti

  • Salve. Sono arrivato praticamente alla fine del mio percorso lavorativo, prossimo alla pensione. Con alti e bassi, ma sono sempe rimasto fedele ai miei ideali. I falsi prima o poi la pagano(o bisogna fargliela pagare…), sempre. Elencare tre pregi e tre difetti? Pregi: ottimo lavoratore, individuo i problemi e le soluzioni, spirito da leader. Difetti: non lascio perdere se ho ragione, me ne vado anche se mi pregano di restare, non gliele mando a dire e possibilmente gliela faccio pagare. Consigli? Difficilmente li ascolto, seguo “La Forza…”

  • In un colloquio bisogna essere sempre cordiali.
    Bisogna dire sempre la verità sulle proprie capacità , pensieri su come affrontare possibili problematiche lavorative esposte dalla controparte, dire anche i vostri punti deboli ( esperienze carenti nella formazione lavorativa).

    Cose deludenti
    Molto spesso mi sono scontrato con responsabili non idonei al ruolo che ricoprivano in azienda.
    (Ruolo preso per paraculaggine oppure per anzianità ).
    Essere giudicato non idoneo da una persona che non sa neanche leggere un CV.

    Consiglio per infojobs di velocizzare la candidatura senza dover essere indirizzato in altri siti logorroici.( Ovvero mi candido punto e basta ).
    Si richiede di eliminare dalla lista quelle offerte di lavoro che prendono in giro i lavoratori ( credo sia necessario la segnalazione degli stessi lavoratori ).

  • Seguire bene tutti regolamento dell azienda essere tuo stesso,chiedere informazioni utili e rispetto degli norma e sicurezza dell luogo di lavoro…

    • I miei pregi sono: socializzo con tutti,sono competitivo, e preciso, i miei difetti sono: non tollero chi non fa bene il proprio lavoro e li alzo la voce, non mi piace chibarriva tardi al lavoro e lo rimprovero, detesto la gente che si vanta per dimostrarsi migliore

  • Nei colloqui bisogna essere se stessi e soprattutto evidenziare le competenze nelle quali siamo al top ma anche fare notare le aree nelle quali non si spicca particolarmente.
    Fondamentale essere sempre sorridenti.

    • Io penso che devi trovare 1 lavoro che ti piaccia…che nel senso ti fa essere sempre se stessi….e provare quelle gratificazioni x le tue attiduni…essere sempre professionali e non esiste o fatto tardi xché è successo qualsiasi cosa ti può motivare a trovare a delle giustificazioni…purtroppo è solo quello che vuoi dire te ma non esistano!!! Xché la mattina ti alzi mezz’ora1 tutto questo non succede!!!

  • Lavorare bene è la prima cosa non lamentarsi con colleghi , ecc. Se devo dire qualcosa la dico al datore ,puntuale e cosa importante farsi gli affari propri non sono il massimo della velocità ma il mio lavoro lo faccio bene.

  • Capacità di adattamento, precisione, determinazione,
    Per quanto riguarda i difetti, eccessiva generosità, disponibilità e fiducia nel prossimo.
    Comunque grazie per i vostri preziosi consigli.

  • Ritengo, sulla base di questo spunto che innanzitutto ognuno di noi abbia il proprio bagaglio di esperienze maturate e di eventuali corsi e ruoli occupati, che lo rendono unico e più o meno appetibile nel mondo del lavoro. Ovviamente il sapersi presentare con i giusti modi, intervenire nei momenti giusti con le corrette contestualizzazione permetterà di non essere mai fraintesi o considerati arroganti o saccenti. Il dimostrare troppa sicurezza in sé stessi porterà più disagi immediati o futuri, rispetto ad avere un atteggiamento proposisito e risoluto. Investire in sé stessi significa sapersi sempre porre al giusto livello e nei giusti contesti.

    • Sì, l’atteggiamento migliore è dimostrare quanto si vale. Diciamo però che è sbagliato incensarsi ma anche sminuire le proprie doti.

  • l’importante nella vita è visualizzare il tuo obiettivo, lavorare sodo per raggiungerlo e aiutare quanti sulla tua strada hanno bisogno di te, la vita ci dà tutto ciò di cui abbiamo bisogno in noi è sapere come usarlo

  • Cerco di esprimere in poche righe le mue attitudini e capacità.
    Sarebbe bello capire le motivazioni della non idoneità, quando le tue caratteristiche corrispondono ai requisiti.

    • Maura, ci sono valutazioni spesso legate al ruolo e al tipo di ricerca. E a volte più che una questione di non idoneità, accade che qualcuno sia più in linea con il ruolo. Grazie!

  • Tutto quello che serve nella vita è essere onesti ,sincerii e trasparenti solamente cosi puoi riuscire a creare e mantenere rapporti di fiducia con tutte le persone che ti circondano, altrimenti non si va da nessuna parte.

  • Grazie per i consigli. Ahimè il problema è proprio arrivarci al colloquio. Nonostante laurea magistrale e diverse formazioni; sembra di non essere mai abbastanza o peggio “troppo qualificato” per ritenere il proprio CV idoneo. In caso di colloqui metterò in pratica. Grazie

  • Sul lavoro sono uno che esegue senza domande a meno che non abbia capito alla prima. Mi applico sempre perché c’è sempre da imparare. Datemi una prova per dimostrare tutto ciò e sono certo che non deluderò nessuno.
    Cordiali saluti
    David Anelli

  • Grazie per i suggerimenti davvero interessanti.
    Se posso permettermi di aggiungere una cosa vorrei dire che l’importante è essere se stessi fin da subito, la sincerità e la trasparenza evitano rapporti poco proficui per entrambi e agevolano rapporti duraturi.
    Saluti Silvia.

    • Buonasera,
      ho ricevuto questa notifica in cui chiedete 3 pregi e 3 difettti,
      pregi:
      positiva, intraprendente, altruista
      difetti :
      permalosa, puntigliosa, sincera

    • Grazie per i consigli.
      Io sono sempre sincera soprattutto per quanto riguarda i difetti perché sono puntigliosa molto precisa nel lavoro per quanto riguarda i pregi non amo elogiarmi mi imbarazzo preferisco che siano gli altri a notarli.
      Saluti
      Annalisa

Lascia un commento