Perché lo Smart Working fa bene al mondo del lavoro?

Perché lo Smart Working fa bene al mondo del lavoro?

Benefici per le aziende e per i lavoratori.

3 Gen, 2018
692 views

Conciliare impegni di lavoro e personali, hobby, sport e vita sociale nonostante un orario full time in ufficio? Sempre più dipendenti ci riescono grazie allo Smart Working.

Il lavoro flessibile, in quanto a orari e luogo di lavoro, è sempre più spesso scelto in comune accordo da aziende e dipendenti.
Molte realtà produttive all’estero lo adottano già in larga scala, in Italia alcune grandi aziende hanno iniziato a farvi ricorso e da poco è stato regolato anche in ambito legislativo, dal punto di vista normativo e per la tutela del diritto alla disconnessione.

Jobs Act e Smart Working
Il ddl sul lavoro autonomo e agile è stato approvato dal Senato nel 2017 (Legge 22 maggio 2017 n. 81). Allo Smart Working sono applicabili sgravi di tipo contributivo e fiscale, eventualmente riconosciuti con correlazione ad incrementi di produttività ed efficienza del lavoro subordinato. I lavoratori in regime di Smart Working avranno inoltre diritto alla tutela contro gli infortuni sul lavoro, anche in itinere.

In sintesi, la recente normativa disciplina il lavoro subordinato mediante accordo tra le parti, organizzato per fasi, cicli e obiettivi, senza stretti vincoli di orario o di luogo di lavoro attraverso l’utilizzo di prodotti tecnologici per l’espletamento dell’attività lavorativa. I limiti di durata e orario di lavoro giornaliero e settimanale sono comunque regolati dalla contrattazione collettiva prevista dalla Legge.

Il datore di lavoro è responsabile della sicurezza, del funzionamento dei mezzi tecnologici atti a espletare il lavoro e degli incentivi contributivi e fiscali eventualmente riconosciuti. La normativa è applicabile anche alla Pubblica Amministrazione.
Anche la retribuzione e il trattamento normativo del lavoratore in regime di Smart Working fanno riferimento al contratto collettivo e non a quello aziendale.

Perchè la formula dello Smart Woeking conviene alle aziende?
Innanzitutto perché - smentendo il costume italiano del “timbrare il cartellino” - il lavoro fuori dalle mura dell’ufficio è mediamente molto più produttivo. Non solo: nelle aziende che promuovono lo smart working tra i propri dipendenti, il tasso di assenteismo cala drasticamente. Questo si traduce immediatamente in un vantaggio economico e produttivo per ogni realtà aziendale.

Secondo uno studio dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano, già 305mila italiani lavorano secondo la modalità dello Smart Working: si tratta di circa il 7% della forza impiegatizia, di differente inquadramento contrattuale.

Inoltre, circa il 30% delle imprese di grandi dimensioni nel 2016 hanno già avviato progetti di Smart Working, estendendo progressivamente l’applicazione di questo regime lavorativo.

Perchè conviene ai dipendenti?
Nelle città italiane è comune il problema della viabilità e del traffico: non è raro dover spendere ore in mezzo al traffico urbano per l’impossibilità di ricorrere a un mezzo pubblico per raggiungere il posto di lavoro o, anche utilizzando i mezzi pubblici, dover trascorrere 1/2 ore di tempo nei semplici spostamenti.

Lo Smart Working consente di lavorare da casa e organizzarsi a seconda di impegni, commissioni e bisogni quotidiani: il lavoratore può scegliere la formula più conveniente per sé e - allo stesso tempo - più produttiva per l’azienda. In sintesi, lo Smart Working permette di ottimizzare il tempo e riduce le occasioni di assenteismo, consentendo di conciliare al meglio esigenze quotidiane e produttività.

Un utilizzo intelligente delle nuove tecnologie e dei nuovi mezzi permette questa ottimizzazione del tempo e delle risorse con un ingente risparmio anche per il lavoratore: basti pensare al risparmio che si potrebbe ottenere lavorando da casa (spuntini, caffè, carburante, etc.).
Risparmia l'azienda - postazione, locali più piccoli per gli uffici, servizi, etc. - ma anche il lavoratore: più soldi in tasca a fine mese, più produttività, più controllo sulla propria vita e meno stress.

A cura di MioDottore.it

 

InfoJobs non controlla preventivamente i commenti che vengono pubblicati in questa sezione. Confidiamo nel rispetto e buonsenso di ciascuno. Vi chiediamo di segnalare a candidati@infojobs.it eventuali commenti inopportuni, che verranno prontamente rimossi.