Come migliorare l’approccio con le persone con disabilità

Come migliorare l’approccio con le persone con disabilità

E-learning per l’estate.

10 Ago, 2016
240 views

Sotto l’ombrellone non si ha molta voglia di pensare al lavoro, solitamente si preferisce una lettura di svago. Ma se questa lettura, oltre che interessante e divertente, ci aiutasse ad affrontare la ripresa lavorativa con una più alta conoscenza dei nostri colleghi con disabilità e, più in generale, con maggior consapevolezza, perché rinunciarvi? L’occasione ci viene offerta da una piattaforma di e-learning inizialmente pensata per Expo, e che poi, visto il successo, è rimasta online e lo sarà, ci auguriamo, ancora a lungo: si tratta del portale di Milano Accogliente, progetto voluto dal Comune di Milano con la collaborazione di diverse sigle del mondo associazionistico. Scopo di Milano Accogliente è quello di promuovere corsi online che contribuiscano ad abbattere le barriere culturali, forse le più difficili da superare a causa di pregiudizi e luoghi comuni radicati nella mente di tutti noi.

L’eliminazione delle barriere culturali è essenziale tanto quanto l’abbattimento di quelle architettoniche: contribuisce a creare un atteggiamento più consapevole e corretto nei confronti delle persone con disabilità e costituisce il primo passo per la realizzazione di un inserimento inclusivo in azienda della persona con un handicap. In Jobmetoo abbiamo compreso che uno sforzo del genere, concertato tra Istituzioni e principali associazioni di disabili, andava a toccare anche un’esigenza molto sentita dal mondo delle imprese: quello di essere adeguatamente formate per potersi relazionare al meglio col mondo della disabilità. La formazione offerta da Milano Accogliente è gratuita e aperta a tutti. E’ sufficiente accedere alla piattaforma tramite il link www.milanoaccogliente.it da un pc con un browser aggiornato, una connessione internet e, naturalmente, tanta voglia di imparare, iscriversi e scegliere il proprio corso. Ecco i corsi consigliati per cominciare:

– Quando la persona è una persona con disabilità motoria. Che fare?

– Quando la persona non vede. Che fare?

– Quando la persona non sente. Che fare?

– Quando la persona è sordo cieca. Che fare?

– Quando la persona ha una disabilità intellettiva o psichica. Che fare?

Alla fine di ogni corso, sarà anche possibile sostenere un test di autovalutazione. Emerge chiaramente il taglio concreto di queste risorse che, senza dubbio, ci potranno dare preziose indicazioni per migliorare l’aspetto relazionale che è alla base della salute di ogni Team, quale che sia la sua composizione. Non resta che augurarvi una buona e proficua lettura!

In collaborazione con Jobmetoo

InfoJobs non controlla preventivamente i commenti che vengono pubblicati in questa sezione. Confidiamo nel rispetto e buonsenso di ciascuno. Vi chiediamo di segnalare a candidati@infojobs.it eventuali commenti inopportuni, che verranno prontamente rimossi.