Do you speak startup?

Do you speak startup?

Scopri i termini principali del linguaggio della startup.

14 Lug, 2017
148 views

“Business è business” ma quando si parla in termini di linguaggio tecnico spesso è differente come ad esempio il linguaggio delle startup è diverso da quello comunemente utilizzato dall’azienda.
Non c’è da sorprendersi, ma l’inglese è la lingua dominante nel così detto “startup lingo”, che rinterpreta e riutilizza parole inglesi di uso comune oppure conia nuovi termini.
Per tutti quelli che vogliono avere successo nel campo delle startup, è sicuramente raccomandato migliorare le proprie competenze di inglese.

Mettiti alla prova con questi principali termini che EF Education First società leader nel settore dei corsi di inglese all’estero ha stilato:

1. Accelerator 
Se ricerchi la parola "accelerator" sul Dizionario Cambridge, è traducibile con la parola accelleratore ovvero il pedale della macchina. Ma quando si parla di startup, tuttavia, si intende una persona o un'istituzione che ha principalmente funzioni consultive e aiuta attraverso il coaching intensivo l'avvio e un rapido sviluppo della startup.
2. Crowdfunding
“2 è una coppia, tre è una folla". Anche se si tende a evitare le folle di persone soprattutto nella gestione di un business, in fase di inizio è necessario avere l’aiuto di quante più persone possibili per poter realizzare i piani di avvio di una startup. Più specificamente, il nome composto "crowdfunding" coinvolge una folla di persone che con il loro impegno sostengono finanziariamente la startup. Che cosa stai aspettando? Cerca la tua folla, ormai esistono anche tanti siti internet che possono aiutarti nell’intento.
3. Angel
Ci sono innumerevoli significati per la parola "Angel", per cui probabilmente i più comuni sono: "esseri soprannaturali", "messaggeri celesti", "protettori", "assistenti" e "salvatori". Se si lascia fuori la natura soprannaturale, il termine angel nella fase di avvio ha una cosa in comune con questi significati, ovvero, è una persona che fa qualcosa di buono per l’avvio della tua startup. Un "angelo" è di solito un investitore silenzioso o un partner, che fornisce anche consigli e networking con le persone giuste nel settore.
4. Joint Venture
La "joint venture" è un termine comune nell'area di startup, ovvero rappresenta la creazione di una filiale di due società indipendenti. La "joint venture" è gestita in modo cooperativo, ma rimane autonoma. Ma perché prendersi il rischio di creare una nuova società? Perché in realtà non si è da soli, in quanto i rischi sono condivisi tra due parti e non devono essere sostenuti da un'unica società. Una "joint venture" con una società estera è una buona opportunità, soprattutto per le imprese che vogliono anche acquisire una posizione internazionale.
5. Roadmap
Se quando parliamo di Roadmap ti viene in mente la parola "Roadtrip" allora hai bisogno di una vacanza. Non stiamo parlando, infatti, di una "mappa stradale, ma di una strategia che è descritta idealmente nei dettagli più dettagliati, ovvero un piano d’azione passo dopo passo per realizzare un progetto. Se non si desidera finire in un vicolo cieco, è necessario disporre di una roadmap approfondita.
6. Bootstrapping
Il termine "bootstrapping" viene  utilizzato per dire “prendere la situazione nelle proprie mani e migliorarla”. Ma cosa significa "bootstrapping" nel contesto di avvio? Riguardo al linguaggio delle startup questo vuol dire "stringere la cintura", ovvero essere quanto più economico possibile e operare con la massima efficienza e con le proprie risorse.
7. Adverticle
Ad...cosa? Lo startup lingo ama combinare termini inglesi in modo strano, come questo qui. Infatti, che altro non è che l’incrocio di Advertising e Article. È uno strumento di marketing molto utile in fase di startup. Infatti, è un tipo di pubblicità velata utilizzata spesso per creare maggiore brand awerness.
8. Elevator Pitch
Questo devi testarlo assolutamente perchè non è valido solo per le startup. In pratica è il momento giusto per testare se il tuo business plan o un’idea ha del potenziale. Spesso si capisce già in pochi minuti.
Invita un tuo amico o un tuo collega in ascensore e spiega il tuo progetto: se riuscirai a convicerlo durante il breve tragitto, la tua startup sarà un successo.
 

A cura di EF Education First.

InfoJobs non controlla preventivamente i commenti che vengono pubblicati in questa sezione. Confidiamo nel rispetto e buonsenso di ciascuno. Vi chiediamo di segnalare a candidati@infojobs.it eventuali commenti inopportuni, che verranno prontamente rimossi.